BACHECA DELLE OPPORTUNITA' LA RUBRICA DELL'AVVOCATO


CONCORSO PER IL RECLUTAMENTO DI 2800 TECNICI NELLE REGIONI DEL SUD ITALIA


In riferimento al precedente articolo, si informa che il tanto atteso bando di concorso pubblico per il reclutamento a tempo determinato di 2.800 unità di personale tecnico nelle pubbliche amministrazioni delle regioni del sud Italia, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia è stato già pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 27 del 6 aprile 2021.
 

Il Dipartimento della funzione pubblica ha quindi avviato la procedura per il reclutamento ed è già possibile presentare la domanda di partecipazione al concorso per ciascun profilo professionale. 

La domanda va presentata esclusivamente per via telematica entro il 21 aprile 2021 e per procedere all'inserimento occorre possedere lo SPID. Il candidato inoltre dovrà possedere un indirizzo PEC personale. Accedendo alla piattaforma RIPAM si potrà compilare il modulo elettronico sul sistema “Step-One 2019”. 
E’ previsto il versamento della quota di partecipazione di €10,00 così come riportato nel sistema “Step-One 2019”.

Per partecipare al concorso è altresì necessario possedere almeno una Laurea triennale.

I titoli di studio comunque valutabili non potranno superare il valore massimo di 4 punti secondo i seguenti criteri:

a.1- punteggi attribuiti al voto di laurea: con riferimento al voto  di  laurea  relativo al titolo di studio conseguito con miglior  profitto nell'ambito di quelli dichiarati per l'ammissione al concorso, verrà attribuito il seguente punteggio ad un solo titolo a seconda della votazione conseguita:
          da 66/110 a 75/110 o equivalente punti 0,01;
          da 76/110 a 84/110 o equivalente punti 0,02;
          da 85/110 a 89/110 o equivalente punti 0,03;
          da 90/110 a 94/110 o equivalente punti 0,04;
          da 95/110 a 99/110 o equivalente punti 0,05;
          da 100/110 a 103/110 o equivalente punti 0,06;
          da 104/110 a 106/110 o equivalente punti 0,07;
          da 107/110 a 109/110 o equivalente punti 0,08;
          da 110/110 a 110/110 e lode o equivalente punti 0,10.
a.2- punteggi attribuiti agli  ulteriori titoli rispetto a quello previsto come requisito per l'ammissione (art.  2,  comma  1, lettera c):
0,50 punti per il diploma di laurea, la laurea specialistica e magistrale che sia il  proseguimento della laurea triennale indicata quale requisito ai fini della partecipazione ovvero per la laurea a ciclo unico;
0,25 punti per ogni laurea ulteriore rispetto al titolo di studio utile per l'ammissione al concorso, con esclusione di quelle propedeutiche alla laurea  specialistica o laurea   magistrale dichiarata.

Per i criteri a.1) e a.2) il punteggio massimo attribuibile sarà pari a 1 punto;

a.3- formazione post laurea (fino a un massimo di 3 punti):
0,5 punti per ogni master universitario di primo livello;
1,5 punti per ogni diploma di specializzazione;
1,5 punti per ogni dottorato di ricerca.
1 punto per ogni master universitario di secondo livello;

b.- i titoli professionali saranno valutati fino a un massimo di 6 punti, secondo i seguenti criteri: esperienza professionale maturata nella gestione e/o nell'assistenza tecnica di programmi o progetti finanziati da fondi europei nazionali afferenti la politica di coesione  che sia comprovabile, in fase di verifica dei titoli, a mezzo di contratti di lavoro o incarichi   professionali stipulati con pubbliche amministrazioni o con enti privati.

Ai fini della valutazione dell'esperienza professionale sono riconosciuti i seguenti punteggi:

b.1- In  caso di rapporti di lavoro dipendente, di collaborazione e consulenza:

1 punto per ogni anno.  Ai fini dell'attribuzione del punteggio, per il computo dell'anno si richiedono almeno 200 giornate lavorative;
0,25 punti per periodi compresi fra 50 e 99 giornate;
0,10 punti per periodi compresi fra 20 e 49 giornate.
0,5 punti per periodi compresi fra 100 e 199 giornate;

Per il computo delle  giornate  lavorative  possono  considerarsi anche più rapporti di lavoro.

b.2- Abilitazione all'esercizio delle professioni per le quali è richiesta la laurea, punti 1

Per tutte le informazioni nel dettaglio si rimanda alla lettura del bando e alla consultazione del sito del Dipartimento della funzione pubblica.





Commenti