BACHECA DELLE OPPORTUNITA' LA RUBRICA DELL'AVVOCATO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TRE - Concorso pubblico, per esami, a tempo indeterminato

 


CONCORSO ROMA

È indetta la seguente procedura concorsuale presso l’Università degli Studi Roma Tre: Concorso pubblico, per esami, a tempo indeterminato, riservato esclusivamente ai soggetti disabili di cui all’art. 1 della Legge 12 marzo 1999, n. 68, per la copertura di n. 6 posti di categoria B posizione economica 3, area amministrativa, per le esigenze delle strutture didattiche di Ateneo (codice identificativo concorso: AM6B3A22) con riserva di due posti in favore dei volontari in ferma breve o ferma prefissata congedati senza demerito ai sensi degli artt. 678 e 1014 del D. Lgs. 66/2010, appartenenti alla categoria di cui all’art. 1 comma 1 della Legge 68/1999. Sono ammessi al concorso anche coloro che non beneficiano della riserva ai sensi del D. Lgs. 66/2010. I candidati che intendano avvalersi dei benefici previsti dal D. Lgs. 66/2010 debbono farne esplicita menzione nella domanda di partecipazione. Qualora nella graduatoria generale di merito non risultino utilmente collocati candidati che abbiano diritto alla riserva ex D. Lgs. 66/2010, saranno dichiarati vincitori i candidati non beneficiari della riserva collocati in posizione utile.

 

La figura professionale ricercata dovrà essere in possesso delle seguenti competenze e conoscenze: - Conoscenza in materia di protocollazione ed archiviazione elettronica, nonché in materia di diritto allo studio e di gestione delle carriere degli studenti; - Conoscenza della legislazione universitaria con particolare riferimento alle strutture didattiche e alla riforma degli ordinamenti didattici ed al sistema dei crediti formativi; - Buona conoscenza del diritto amministrativo con riguardo al procedimento amministrativo e alla disciplina in materia di accesso agli atti e sulla documentazione amministrativa; - Buona conoscenza dei principali sistemi operativi nonché dei sistemi informativi a supporto dei servizi agli studenti; capacità di utilizzo degli applicativi informatici più comuni (Word, Excel), posta elettronica e di Internet e degli strumenti di comunicazione a distanza (Microsoft Teams, Zoom, Skype) oltre a conoscenze e competenze digitali di base; - Buona conoscenza della lingua inglese, scritta e parlata, per quanto attiene alla lettura di documentazione tecnica (documenti, testi e certificati) e a colloqui con interlocutori stranieri.

REQUISITI GENERALI PER L’AMMISSIONE

Per l’ammissione al concorso, di cui all’art. 1 è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: a) Diploma di istruzione secondaria di primo grado e attestato di qualifica professionale in ambito informatico. I titoli di studio conseguiti all’estero saranno considerati utili purché riconosciuti equivalenti ai titoli di studio italiani. A tal fine, nella domanda di concorso devono essere indicati, pena l’esclusione: - gli estremi del provvedimento di riconoscimento dell’equivalenza del proprio titolo di studio al corrispondente titolo di studio italiano richiesto ai fini dell’ammissione al concorso, rilasciato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica, ai sensi dell’art. 38, comma 3, del D. Lgs. 165/2001 come sostituito dall’art. 1, comma 28-quinquies, del D.L. 30/12/2021 n. 228, convertito con modificazioni dalla Legge 25/02/2022 n. 15 5 o, in alternativa, - dichiarare di aver provveduto alla richiesta del medesimo. In quest’ultimo caso il candidato verrà ammesso con riserva di verificare l’equivalenza del titolo; b) appartenenza ad una delle categorie di cui all’art. 1 della legge 12/03/1999 n. 68 e ss. mm. ii.. La documentazione attestante le condizioni di cui all’art. 1 della L. 68/99 dovrà essere posseduta alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di partecipazione alla procedura concorsuale c) iscrizione, alla data di scadenza del presente bando, nell’elenco del collocamento obbligatorio di cui all’art. 8 della Legge n. 68/99. L’assenza di tale dichiarazione all’atto della presentazione della domanda di ammissione al concorso comporta l’esclusione dalla presente procedura concorsuale; d) possesso del verbale di Accertamento delle residue capacità lavorative - Legge 68/1999; e) idoneità fisica all'impiego al quale il concorso si riferisce compatibilmente con la minorazione sofferta. L’Amministrazione ha facoltà di sottoporre a visita medica di controllo i vincitori di concorso, in base alla normativa vigente; f) cittadinanza italiana (ai fini del presente decreto sono equiparati ai cittadini italiani, gli italiani non appartenenti alla Repubblica) o cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro dell'Unione Europea purché siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, nonché cittadini di Paesi terzi che siano titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria ovvero i familiari non comunitari del titolare dello status di protezione sussidiaria presenti sul territorio nazionale che individualmente non hanno diritto a tale status, ai sensi dell’art. 22, commi 2 e 3 del D. Lgs. 251/2007; g) età non inferiore ai diciotto anni; h) adeguata conoscenza della lingua italiana. Tale conoscenza sarà accertata nel corso della prova di esame; i) conoscenza della lingua inglese scritta e parlata; j) essere in regola con le norme concernenti gli obblighi militari; k) godimento dei diritti civili e politici (se in possesso di cittadinanza diversa da quella italiana, è richiesto il godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza) ovvero i motivi del mancato godimento; l) non essere stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente ed insufficiente rendimento ovvero non essere stati dichiarati decaduti da altro impiego statale ovvero non essere stati licenziati ai sensi delle disposizioni dei contratti collettivi di lavoro relativi al personale dei vari comparti; m)non essere stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente ed insufficiente rendimento e non essere stati dichiarati decaduti da altro impiego statale ai sensi dell'art. 127, lettera d), del testo unico degli impiegati civili dello Stato approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3 e per aver conseguito l’impiego statale mediante produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile; n) non aver riportato condanne penali in Italia o all’estero e non aver procedimenti penali pendenti a proprio carico.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

Le domande di ammissione al concorso dovranno essere presentate in forma telematica collegandosi al link: https://roma3concorsi-2022-am6b3a22.ilmiotest.it/ entro le ore 13:00 del trentesimo giorno successivo a quello della data di pubblicazione dell’Avviso di indizione della presente procedura concorsuale sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica. 6 La presentazione della domanda sarà perfezionata solo dopo aver inserito al predetto link tutti i dati richiesti e dopo aver ricevuto via email la notifica del corretto inoltro della domanda di partecipazione. Si rammenta che ai fini della validità della domanda, il candidato, dopo la scadenza dei termini di presentazione, dovrà stampare la domanda stessa, firmarla, portarla con sé e consegnarla il giorno della prova. La firma autografa, a regolarizzazione della domanda e delle dichiarazioni nella stessa inserite, verrà acquisita in sede di identificazione dei candidati alla prova.

PROVA D’ESAME

Le prove di esame consisteranno in una prova scritta, eventualmente anche a contenuto teorico/pratico, la cui durata e le cui modalità di svolgimento saranno stabilite dalla Commissione con l’osservanza delle norme e secondo le modalità previste dal D.P.R. n. 487/1994, ed in una prova orale, e saranno finalizzate a verificare le conoscenze e le competenze indicate all’art. 1 del presente bando, nonché a verificare l’attitudine e la maturità professionali dei candidati in relazione ai posti a concorso. A ciascuna delle prove d'esame sarà attribuito un punteggio fino ad un massimo di punti 30/30. Saranno ammessi alla prova orale i candidati che avranno riportato un punteggio di almeno 21/30 nella prova scritta. La prova orale si intenderà superata se il candidato avrà riportato una votazione di almeno 21/30. Le sedute della commissione durante lo svolgimento della prova orale sono pubbliche. Al termine di ogni seduta, la commissione giudicatrice formerà l'elenco dei candidati esaminati, con l'indicazione del voto riportato da ciascuno. L'elenco verrà affisso presso la sede di esame. Il punteggio finale delle prove d’esame è dato dalla somma del voto conseguito nella prova scritta e del voto conseguito nella prova orale.

PER LA TUA PREPARAZIONE AL PRESENTE CONCORSO CONTATTA LO STAFF DI LIVECONCORSI.IT

 


Commenti